Microliposcultura ...              

L'evoluzione della terapia chirurgica della cellulite dal 1980 ad oggi: dalla liposuzione alla

liposcultura e da questa alla microliposcultura.

La microliposcultura rappresenta oggi una delle tecniche chirurgiche meno invasive e più sicure

per eliminare definitivamente la cellulite localizzata.

La microliposcultura viene eseguita in anestesia locale, senza sedazione e senza ricovero e con

recupero pressochè immediato delle proprie attività.

Non ci sono cicatrici, nè ematomi.

Unica condizione è che l'ambiente chirurgico sia adeguato e il chirurgo specializzato in questo tipo

di chirurgia.

Quanto riportato nell'approfondimento è il risultato di una esperienza maturata in oltre 20 anni di terapie che

riguardano la salute e l'estetica delle gambe e di oltre 1500 interventi di microliposcultura eseguiti a Roma e

Milano.
 

  Microliposculpture à Genève!

                                                                      Photo Gallery

 

MICROLIPOSCULTURA DEGLI ARTI INFERIORI

Si tratta di una tecnica chirurgica per eliminare definitivamente la cellulite localizzata migliorando, in maniera significativa, il profilo degli arti inferiori.

Tra tutte le tecniche chirurgiche proposte per quello che rappresenta l’inestetismo più diffuso nella donna, questa è sicuramente la meno aggressiva, ovvero quella che rispetta più di ogni altra le strutture vascolari, ampiamente rappresentate negli arti inferiori.

Questa tecnica, messa a punto già da qualche anno dal Dr. Francesco Artale, resa recentemente ancor meno invasiva, prevede infatti il rimodellamento di gambe e glutei in anestesia locale, senza alcun sanguinamento, nessuna cicatrice e recupero pressoché immediato delle proprie attività lavorative.
 

 

             altre immagini

Il profilo degli arti inferiori, che inizia dai fianchi e termina a livello delle caviglie, è condizionato dalla quantità di grasso che li ricopre.
Il numero delle cellule adipose che costituiscono i cuscinetti adiposi non è legato all’alimentazione, né alla sedentarietà, ma è costituzionale e spesso ereditario. Le sedi di più frequente localizzazione sono rappresentate dai fianchi, dall’esterno delle cosce, dall’interno delle cosce e dal ginocchio, ove spesso si determinano notevoli deformità.
Questo tipo di cellulite si definisce localizzata, anche per distinguerla da quella diffusa, dove non esiste una vera e propria localizzazione e dove le gambe sono tutte grosse.
Mentre nel caso della cellulite diffusa esistono diverse metodologie di tipo medico (endermologie, triactive, icoone), che pur non eliminando definitivamente il problema, possono indubbiamente migliorare la situazione, nel caso della cellulite localizzata, ovvero nel caso di precise alterazioni del contorno della gamba, l’unica possibilità di ottenere un risultato evidente e definitivo è rappresentata dalle tecniche chirurgiche.
La prima tecnica ad essere praticata in passato è stata la liposuzione, che sicuramente otteneva discreti risultati, ma, data la sua notevole aggressività e il fatto che veniva eseguita in anestesia generale, non era certo esente da possibili rischi.
Negli ultimi anni la liposuzione si è trasformata in quella che oggi si definisce liposcultura, e, più  recentemente, in microliposcultura messa a punto dal Dr. Artale.
Vediamo in che cosa si differenzia e per quali ragioni rappresenta oggi una delle metodiche più sicure per migliorare la forma delle gambe.


Nel rispetto della circolazione ...
E’ indispensabile in caso di cellulite, localizzata o diffusa che sia, un accurato esame della circolazione, soprattutto di quella venosa. In particolare è fondamentale una visita angiologica con l’ausilio di indagini strumentali come l’esame doppler, tanto semplice quanto indispensabile, per escludere patologie degli arti inferiori che possono controindicare l’intervento.
Qualsiasi tipo d’intervento chirurgico a livello degli arti inferiori, soprattutto se eseguito per motivi estetici, deve comunque avvenire nell’assoluto rispetto della circolazione.
A tale scopo viene utilizzata una cannula di piccole dimensioni, in modo da ridurre al minimo il trauma sui tessuti circostanti e soprattutto sulle strutture vascolari, permettendo in tal modo una più rapida guarigione e l’assenza totale di ematomi.
Non solo le dimensioni della cannula, ma anche la direzione ed il modo in cui viene utilizzata fanno sì che la circolazione non subisca alcuna lesione; la cannula è infatti collegata ad una siringa di plastica, e non ad un lipoaspiratore che risulta sicuramente più aggressivo.
Le cellule adipose contenute nel cuscinetto di grasso vengono aspirate manualmente con movimenti molto attenti e precisi che richiedono indubbiamente una notevole esperienza e competenza vascolare.
Alla fine dell’intervento non saranno necessari punti di sutura: sarà sufficiente un semplice cerottino di carta per chiudere la microincisione, senza alcuna cicatrice visibile.


In anestesia locale ...
Il primo grande vantaggio di questo tipo di intervento è rappresentato dal fatto che viene eseguito sempre e soltanto in anestesia locale. Si evitano in tal modo gli effetti collaterali ed i disagi che inevitabilmente un’anestesia generale comporta; si evita inoltre il ricovero, sempre poco gradito ad un paziente che si sottopone ad un intervento per motivi prevalentemente estetici.
L’anestesia locale invece può essere eseguita in una struttura, sicuramente attrezzata e con una completa assistenza, ma esclusivamente ambulatoriale.
Anestesia locale vuol dire paziente completamente sveglio e cosciente, paziente che può essere esaminato in piedi, paziente che, ad intervento ultimato, ritorna subito a casa riprendendo la sua attività lavorativa il giorno dopo, senza alcuna convalescenza.
L’anestetico utilizzato per questo tipo d’intervento è quello usato dal dentista durante l’estrazione di un dente.
 

 

                  altre immagini

Cosa si può ottenere?
Non certamente i miracoli.
Ma se le indicazioni sono corrette e le mani esperte, certamente degli ottimi risultati.
Attraverso un buchino di un millimetro si possono comunque eliminare quantità anche notevoli di grasso, riducendo di parecchi centimetri il contorno delle gambe.
Ma, sempre nel rispetto della circolazione e a questo punto anche della salute del paziente, là dove sono presenti grosse adiposità, si preferisce intervenire due volte.
Le zone in cui si ottengono i migliori risultati sono i fianchi, l’interno delle cosce e le ginocchia.
I risultati comunque saranno tanto migliori quanto più localizzata sarà l'adiposità da trattare.
Ma la cosa importante è la risoluzione definitiva del problema: il grasso non si riformerà più.
Le cellule adipose, infatti, una volta eliminate definitivamente, non sono più in grado di replicarsi, lasciando immodificato negli anni il risultato ottenuto.
Sicuramente il primo vantaggio, forse il più apprezzato, è quello estetico; ma non bisogna sottovalutare i benefici a distanza che l’eliminazione del grasso superfluo può fornire all’intera circolazione.
I pazienti che eseguono questo tipo d’intervento, infatti, riferiscono costantemente un  miglioramento dei sintomi di pesantezza e gonfiore agli arti inferiori.
Le gambe senza cellulite saranno quindi gambe più belle, ma sicuramente anche più sane.

                                                                                                                  

Francesco  Artale    
Presidente della Società Europea di Microliposcultura

OSTIA - Via delle Baleniere, 91  - Tel. +39 06 56 40 488
ROMA - Clinica Parioli - Via Felice Giordano, 8  - Tel. +39 06 80 77 71
GINEVRA - Chemin Malombré 5 - Tél. +41 (0)22 800 01 02

  _______________________________________________________________________________________________

Angiologie et Chirurgie vasculaire à Genève!

Microliposculpture à Genève!

Icoone à Genève!

Traitement des varices par radiofréquence à Genève!

Traitement des varices par laser à Genève!

 _______________________________________________________________________________________________

                                          

contatti       staff                              e-mail

 

Vedi anche:


Copyright © 2003 studioartale        


  Hit Counter